Prossimi Eventi

    Nessun evento in programma

MiniChat

Salve a tutti. Nessuna voce recente. Clicca sugli appositi link più in basso per chattare.
Avviso Sonoro:

» Entra in Chat «

Chi è online

Abbiamo 3 visitatori online

Ultimi Video

Home arrow Rubriche arrow Cittadino&Sviluppo
Cittadino&Sviluppo
Il Centro per L'Impiego e CittadiAriano : Progetto EMAC Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Scritto da Redazione CDA   
17/11/2009 alle 09:16

working1.jpg sta prendendo il via una sorta di collaborazione tra il Centro per l'impiego di Ariano e il portale CittadiAriano, verranno riportate le news presenti sul portale IrpiniaJob di interesse per i nostri utenti.

Si ricorda che dal 12 ottobre gli uffici del Centro Impiego Ariano sono stati spostati a Cardito ed esattamente adiacenti all'EuroSpin (c.da Serra) qui di seguito i recapiti: Centro per l'Impiego di Ariano Irpino, C.da Serra - Ariano Irpino (AV), Telefono: 0825-891647, Fax: 0825-871559, E-mail: cpi.ariano@irpiniajob.it
si pubblica la prima news sul Progetto EMAC:
 
Erasmus per giovani imprenditori

Il Settore Politiche Giovanili della Regione Campania sostiene l’iniziativa EMAC – Europe Mobilité, un atout pour la création - Guyane/Italy, finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Erasmus per Giovani Imprenditori.

Il Programma EMAC, promosso dalla Boutique de Gestion de Cayenne (Guyana Francese) e dall’Agenzia locale di sviluppo della Valle del Sarno permetterà a 10 giovani imprenditori italiani di soggiornare all’estero per 2 mesi presso imprenditori di successo per avere una esperienza di training on the job e per instaurare nuovi e utili contatti per sviluppare oltre frontiera il proprio business.

Nell’ambito del suddetto programma, il Settore Politiche Giovanili della Regione Campania sosterrà con un proprio contributo le spese di viaggio di 5 giovani imprenditori e/o aspiranti imprenditori campani di età compresa tra i 20 e 35 anni diretti in Guyana Francese.

Per candidarsi consultare il sito www.giovani.regione.campania.it

Fonte: Regione Campania


 

 

Scrivi commento (2 Commenti)
  Condividi su Facebook

 

Nord e Sud: uniti, ma ancora divisi Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Scritto da Maria Ianniciello   
28/05/2008 alle 13:06

 

frecce-tricolore.jpg«Abbiamo fatto l'Italia e adesso dobbiamo fare gli Italiani».

Sono trascorsi quasi due secoli dall'affermazione di Massimo D'Azeglio, eppure c'è ancora una linea...un confine che vive nelle coscienze di un popolo... di una terra alla perenne ricerca della propria identità. Molte sono le incomprensioni fra Nord e Sud, fra "polentoni" e "terroni".
Non si tratta di dispute accese e serrate, ma di una convivenza forzata e per alcuni versi imposta. Il Mezzogiorno, con le proprie difficoltà...arretratezze culturali ed economiche, è diventato, forse lo è sempre stato, l'ultima ruota del carro, l'ultimo vagone di un treno che vorrebbe correre veloce verso il Nord Europa. E' triste per chi, come me, ama la propria terra di origine.
E' frustrante ed alquanto umiliante. Se condividete questa mia malinconia fate sentire la vostra voce, impegnatevi, studiate sempre, anche nei momenti in cui vi sembra che il raccomandato di turno vi stia scavalcando. Non scendete mai a compromessi, non ne vale la pena. Dimostrate, invece, con costanza ed attitudine che anche il Sud vola verso mete lontane. E mostriamo all'Europa e al Mondo intero che gli italiani sono uniti negli intenti e negli interessi per garantire lo sviluppo di una nazione che intende primeggiare in tutti i settori. Non è utopia, basta crederci...


SVILUPPO
Una questione d’onore

di Nunziante Minichiello

Scrivi commento (2 Commenti)
Ultimo aggiornamento ( 28/05/2008 alle 13:08 )
Leggi tutto...
  Condividi su Facebook

 

Piano sociale di zona A1: soggiorno climatico per diversamente abili 2008 Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Scritto da Redazione CDA   
22/05/2008 alle 18:34

Piano sociale di zona A1: soggiorno climatico per diversamente abili 2008

 

 

 

Nell’ambito delle iniziative intraprese a vantaggio delle persone diversamente abili, in continuità con i servizi  svolti negli anni intercorsi, il Piano sociale di zona A1 organizza il soggiorno climatico 2008.

Il servizio mira al miglioramento del benessere psico – fisico della persona, a favorire la partecipazione attiva e dignitosa nella vita della comunità e a facilitare gli scambi interpersonali.

Il  soggiorno verrà effettuato dal 14 giugno al 21 giugno  presso il Villaggio “Oasis” – Laura di Paestum (SA).

Al Soggiorno possono partecipare 60 cittadini, a partire dai 14 anni, residenti nei 29 Comuni afferenti l’Ambito territoriale A1, con disabilità non inferiore al 75%.

Il Regolamento di accesso al servizio prevede la compartecipazione degli utenti al costo.

Nei casi di non autosufficienza è consentita la partecipazione al soggiorno di un accompagnatore.

Le domande di partecipazione dovranno essere redatte sull’apposito modello e presentate entro mercoledì 4 giugno presso le sedi di Antenne sociali di Ariano Irpino, Vallata, Grottaminarda e Mirabella Eclano.

L’organizzazione di tale servizio come gli anni scorsi coinvolge tutti gli attori sociali che si occupano di politiche a favore delle persone con diversa abilità (Asl, Terzo Settore, strutture sanitarie e sociali, ecc.).

Tali enti contribuiscono attivamente alla pubblicizzazione del soggiorno, segnalando anche la partecipazione di alcuni utenti.

Al fine di rafforzare i positivi risultati ottenuti nei decorsi anni e rendere attivamente partecipi le persone diversamente abili, si è data l’opportunità ai rappresentanti degli stessi di esprimere la propria preferenza sulla struttura ospitante.

Difatti, sono stati realizzati dei tavoli di concertazione per definire e concordare la località, il periodo e le modalità organizzative del soggiorno.

All'uopo di meglio concordare e definire con il terzo settore la struttura ospitante, sono state realizzate delle visite presso le strutture proposte con le associazioni che hanno partecipato ai tavoli di concertazione.

La scelta di optare per tale struttura, è dovuta alla più facile accessibilità di tutti i servizi da parte dei partecipanti, in particolare di quelli con problemi di deambulazione.

Nelle riunioni effettuate è stato anche condiviso il  regolamento del  servizio e nello specifico, la compartecipazione al costo e i casi in cui garantire la  presenza di un accompagnatore.

Fanno parte delle procedure metodologiche attivate per la realizzazione del soggiorno anche gli incontri con il personale dell’ ASl AV1, in particolar modo dell’Unità Operativa di Salute Mentale finalizzati alla condivisione di informazioni relative alle patologie di alcuni richiedenti del servizio e alla segnalazione di nuovi partecipanti.

Tale procedura, ormai divenuta una modalità operativa consolidata si rivela utile ed efficace anche per la strutturazione di piani d’intervento congiunti e relativi obiettivi da perseguire.

In continuità agli anni decorsi saranno stati effettuati anche degli Incontri-Formazione con gli operatori socio-assistenziali messi a disposizione dai soggetti del terzo settore.

 

 

 

Nel corso della realizzazione del soggiorno, saranno state realizzate svariate attività ludico – socializzanti: ginnastica dolce al mare, tornei di carte, acqua - gym in piscina.  

Inoltre, tutte le sere, a conclusione della giornata, presso l’anfiteatro della struttura, si organizzeranno spettacoli, balli, canti che hanno visto la partecipazione attiva e numerosa degli utenti.

Inoltre, durante la settimana sarà effettuata un'escursione agli scavi archeologici di Paestum; tale iniziativa si è rivelata quale occasione importante di svago e di interesse culturale. 

I risultati attesi sono consentire l’uscita da situazioni di isolamento personale per molti utenti, sostenendo percorsi di inclusione ed integrazione e permettendo un arricchimento del bagaglio di esperienze e conoscenze.

Inoltre, le “vacanze” permetteranno di consolidare i rapporti di conoscenza e di amicizia instauratesi durante le numerose attività socializzazione poste in essere dal Piano Sociale di Zona A1.

 

 

 

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio del  Piano sociale di zona A1

C/so Europa Palazzo Maresca – Ariano Irpino

Addetto stampa Piano sociale di zona

Dott.ssa Patrizia Stanco  0825.875305   329.4137887

Scrivi commento
  Condividi su Facebook

 

Per una scelta laica, l'8x1000 alla ricerca Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
Scritto da Hello Kitty   
14/02/2008 alle 13:50
                  Per una scelta laica, l'8x1000 alla ricerca

 

La legge 20 maggio 1985 n. 222, che ha istituito l'8x1000, non consente di fare una scelta diversa dalle religioni e dallo Stato. Per questa limitazione, circa 22 milioni di contribuenti non devolvono a nessuno il proprio 8x1000 dell'Irpef perché non condividono nessuna delle attuali opzioni di scelta disponibili. Quindi, la proposta di legge formulata dal giornalista Enzo Mellano, vuole consentire alla maggior parte dei contribuenti italiani, circa il 60 per cento, di non essere più orfani della libertà di fare una scelta laica e, volendo, di devolvere il proprio 8x1000 alla ricerca scientifica. A tale scopo, la proposta prevede che alle attuali opzioni di scelta, religioni e Stato, si aggiunga la ricerca scientifica. Ovvero l'aggiunta di un'altra casella su cui apporre la firma appunto per la ricerca scientifica.

E nel pieno rispetto delle convinzioni e delle scelte altrui, vale la pena ricordare che mentre in una religione si identifica solo una parte più o meno cospicua dei cittadini, nella ricerca scientifica si identifica tutta la collettività, nella speranza di trarne beneficio con risposte capaci di migliorare la qualità della vita. Perciò anche chi sceglie e continuerà a scegliere una religione o lo Stato, ha interesse a firmare la petizione in atto.

LA RICERCA SCIENTIFICA MERITA PIU' ATTENZIONI PER GARANTIRE PIU' CERTEZZE ANCHE A TE. Se vuoi poter scegliere di devolvere il tuo 8x1000 alla ricerca scientifica, FIRMA LA PETIZIONE per modificare la legge.

Per aderire e saperne di più vai sul sito http://www.clubfattinostri.it/8x1000/.
Per chiarimenti rivolgiti al promotore, il giornalista Enzo Mellano.

Io ho aderito. Fallo anche tu.

 

Veronica Affidato 

Scrivi commento (1 Commenti)
Ultimo aggiornamento ( 14/02/2008 alle 14:58 )
  Condividi su Facebook

 

"Verso una nuova cultura della disabilià per una vera integrazione" Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Scritto da Piano sociale di zona A1   
10/01/2008 alle 23:17

"Verso una nuova cultura della disabilià per una vera integrazione"

 

 

Sabato 12 Gennaio 2008 presso la sala Consiliare "Sandro Pertini" del Comune di Grottaminarda alle ore 10.30 ci sarà la presentazione del libro "Il coraggio di guardare oltre" di Paola De Angelis; seguirà un convegno dal titolo "Verso una nuova cultura della disabilità per una vera integrazione" .

L'apertura della manifestazione  La manifestazione organizzata dal Comune di Grottaminarda in collaborazione con l'Antenna sociale territoriale del Piano sociale di zona A1, la Pro Loco Valle Ufita ed il Forum dei giovani di Grottaminarda rappresenta un'opportunità per rendere visibile la creatività e l'operatività individuale delle persone diversamente abile anche attraverso le espressioni artistiche.

 

Ricco il programma della tavola rotonda che seguirà la presentazione del libro;interverranno il responsabile dell'Unità di Valutazione Integrata dell'A.S.L. AV1, Tommaso del Luca,  che relazionerà sul tema Disabilità ed Integrazione Socio - sanitaria", Tersa Pedicino referente dell'integrazione sociosanitaria per il Piano sociale di zona, parlerà dell'Organizzazione dei servizi alla persona attraverso l'approccio multidisciplinare ed il progetto personalizzato, Vincenzo Barrasso presidente della Pro loco affronterà il tema strategico del Ruolo delle associazioni nel percorso d'integrazione.

Conclude la tavola di discussione, moderata da Donatella De Bartolomeis, il Responsabile dell'Antenna sociale di Grottaminarda, Giuseppe Pippo il quale offrirà una panoramica delle Opportunità del territorio per quanto attiene i servizi socio - sanitari erogati in favore delle persone diversamente abili.

 

Negli ultimi anni, le risposte offerte ai cittadini diversamente abili si sono gradualmente ampliate, parallelamente ad una maggiore conoscenza delle problematiche e delle caratteristiche dei "bisogni speciali" delle persone diversamente abili, all'interno del territorio.

Sono stati predisposti progetti individuali di intervento, di concerto con altri enti competenti sul territorio, quali la ASL, gli organismi del terzo settore, le istituzioni scolastiche e le famiglie.

La  maggiore sensibilità verso l'intervento individualizzato quale unico modo di rispettare l'assoluta originalità del progetto di vita di ciascuna persona disabile, ha trovato attuazione sia nei servizi erogati presso il domicilio degli utenti, che in quelli effettuati all'interno delle istituzioni scolastiche e nei Centri socio - educativi.

Si è acquisita la consapevolezza che il superamento delle difficoltà e la reale integrazione per le persone diversamente abili non può prescindere dall'integrazione complessa dei diversi attori istituzionali e non, che prendono attivamente parte al processo di costruzione di risposte efficaci ed efficienti all'interno di un'area tanto delicata e complessa come quella della disabilità.

I percorsi di collaborazione hanno promosso un'attenta valorizzazione ed utilizzazione di risorse umane, strutturali ed organizzative presenti nella realtà territoriale.

I servizi predisposti nell'area disabili hanno contribuito alla sensibilizzazione dell'opinione pubblica e hanno dato un nuovo impulso all'affermazione di una cultura della disabilità che ne valorizzi la ricchezza sociale, utilizzandone le potenzialità come occasione di crescita collettiva. Nell'ottica del cambiamento e della promozione di nuove opportunità per le persone diversamente abili, si predisporranno nuovi interventi che in continuità con quello già realizzato, si propongono ulteriori obiettivi indirizzati all'empowerment delle persone con disabilità e delle loro famiglie, puntando sul rafforzamento del sistema informativo, sull'integrazione sociale e lavorativa, sul potenziamento delle collaborazioni già avviate e sulla costituzione di nuove  reti di relazioni.

 

Per ulteriori informazioni contattare l'Ufficio del  Piano sociale di zona A1

C/so Europa Palazzo Maresca - Ariano Irpino

Addetto stampa Piano sociale di zona

Dott.ssa Patrizia Stanco  0825.875305   329.4137887 Scrivi commento
  Condividi su Facebook

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 19