Prossimi Eventi

    Nessun evento in programma

MiniChat

Salve a tutti. Nessuna voce recente. Clicca sugli appositi link più in basso per chattare.
Avviso Sonoro:

» Entra in Chat «

Chi è online

Abbiamo 5 visitatori online

Ultimi Video

Home arrow Rubriche
Rubriche
Corso di Difesa Personale Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Tempo Libero
Scritto da Redazione CDA   
19/07/2009 alle 20:04
volantino_corso_difesa.jpg
Scrivi commento
Ultimo aggiornamento ( 20/07/2009 alle 07:16 )
  Condividi su Facebook

 

Nuova monovolume media in casa Toyota Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
Auto - Provate per Voi
Scritto da Bruno Allevi   
19/07/2009 alle 14:28
VERSO L’INFINITO E OLTRE

verso2.jpgTORTORETO LIDO – La Toyota continua a sfornare novità in questo 2009 ricco di nuovi prodotti per la casa giapponese. A vedere la luce è ora la Verso, nuova monovolume media per la casa asiatica. La Verso è equipaggiata da 2 motori benzina (1600 da 132 cv e 1800 da 147 cv) e 2 motori diesel common rail D4D (2000 da 126 cv e 2200 da 150 e 177 cv), negli allestimenti Base, Sol. La linea della nuova monovolume di casa Toyota è una linea al passo con i tempi, molto elegante e di gusto europeo. Il corpo vettura è solido e robusto, e le forme denotano come quest’auto sia costruita per essere “il regno dello spazio”. Personale e grintoso è il frontale, dove il cofano spiovente degrada verso la bella mascherina ondulata con al centro lo stemma della casa giapponese. A incorniciare questa mascherina dinamica, vi sono i grandi fari incassati a forma di occhio, che illuminano con chiarezza la strada davanti la Verso. Posteriormente si sottolinea la spiccata personalità sportiva grazie con la coda dinamica, l’ampio portellone vetrato e i bei fari dalle plastiche trasparenti. Se l’esterno è il trionfo dell’eleganza e della sportività, internamente è il regno dello spazio. Infatti, l’ampio abitacolo può ospitare a seconda delle versioni 5 o 7 passeggeri. Inoltre la Verso dispone di 32 possibili configurazioni interne ed è dotata dell’Easy Flat System, che permette di ricollocare i sedili nel pavimento, facendoli scomparire, garantendo un grande vano di carico perfettamente piatto. La qualità interna di materiali e assemblaggio è molto alto e non mancano le note eleganti.
Scrivi commento
Leggi tutto...
  Condividi su Facebook

 

Casina chiude la III edizione di “Amphitheatrumabella2009” Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Tempo Libero
Scritto da L’addetto-stampa   
14/07/2009 alle 15:12

Casina chiude la III edizione di “Amphitheatrumabella2009”


Avella (AV)Venerdì 17 luglio alle 21, nel piazzale antistante lo scenario delle “Tombe romane”, la Compagnia LUDUS IN FABULA chiuderà la rassegna degli spettacoli teatrali con la presentazione di Mario Zucca e Marina Thovez in “Casina” di Tito Maccio Plauto, adattamento e regia di Marina Thovez e scene di Nicola Rubertelli.

Casina è una trovatella che è stata adottata dalla ricca coppia di Lisidamo e Cleustrata. I due hanno già un figlio che si innamora proprio di Casina. La fanciulla è talmente bella che anche il vecchio patrigno, Lisidamo, perde la testa al punto di volerla concupire. Cleustrata, capita l’antifona, parteggia per il figlio, ma non essendo possibile un matrimonio tra un uomo libero e una schiava, propone di darla in moglie al giovane scudiero Calino, col patto che lui ne lasci godere anche il padroncino. Lisidamo a sua volta, per non svelare la sua vera intenzione di avere Casina, propone di darla in sposa al vecchio fattore Olimpione, complice delle sue bramosie. Dopo vari litigi tra marito e moglie e tra i due servitori, si decide di affidare al fato la scelta, tramite un sorteggio, nel quale vince Olimpione. E mentre Lisidamo si prepara alla sua notte d’amore, le donne di casa architettano una grande beffa che manderà in bianco i due vegliardi.

L’opera di Plauto si potrebbe definire con il gioco di parole “Versi di-vini, versi da bere”. Cioè un rigo poetico perfetto come una divinità, ma anche conviviale come un vino, un verso che come un grande vino scivola senza che ce ne accorgiamo, regalando sostanza e allegria.

Questa Casina conserva tutta la classicità della parola plautina, rimanendo filologicamente fedele al testo. Un testo che è un intreccio fortissimo, ripreso da un originale greco di tale successo e rappresentato per generazioni attraverso diversi secoli e diverse culture da potersi considerare ormai a “prova di pubblico”. Casina è tra le più riuscite commedie di Plauto, perché i personaggi sono ritratti con tali sfaccettature che si affrancano dall’intreccio ed aggiungono al perfetto meccanismo comico una piacevolezza fatta di sentimenti, di delicata psicologia.

L’attrazione di un uomo per una donna più giovane, – racconta Marina Thovez , la regista - il desiderio di libertà di un servo, l’impegno che richiede una famiglia sono temi in cui ancora oggi ci riconosciamo. Certo nella nostra società la schiavitù non esiste più, ma alcuni rapporti di lavoro, dal livello più disgraziato di una prostituta in mano alla malavita a quello più progredito di un manager in carriera, ancora le assomigliano tanto. Insomma, non c’è nulla di più nuovo del classico.

In una cosa, però, questo spettacolo si allontana dal classico, ed è la distribuzione dei personaggi. Qui, infatti, la coppia d’attori apprezzata per le capacità comiche e per l’originalità delle proposte, interpreta tutti i ruoli. E’ un fregolismo senza fiato, è il teatro nel teatro, è uno scambio di persona all’ennesima potenza, è un gioco che a Plauto - che ha fatto dell’arte di far apparire un personaggio quando meno te lo aspetti uno dei punti chiave della sua vis comica- sarebbe piaciuto molto. Sicuramente una "Casina" così non si é mai vista.”

Il costo del biglietto è di 5,00 euro a persona per ogni singolo spettacolo.

Scrivi commento
  Condividi su Facebook

 

Grandi novità sono la Fiera “Bell’Irpinia” e la Sfilata del Maggiolone Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Tempo Libero
Scritto da Redazione CDA   
13/07/2009 alle 14:10

ARIANOMUSICSTATION 2009 AL VIA


http://www.cittadiariano.it/images/personal/Kosta/06giugno09/ams_logo_09_web.jpgArianoMusicStation il 18 e 19 luglio 2009 alla stazione di Ariano Irpino è un evento organizzato dal comitato festa NUOVAMENTE con la parrocchia San Giovanni Evangelista in occasione dei Solenni Festeggiamenti in onore del SS.mo Salvatore e San Giovanni Evangelista di Ariano Irpino Stazione.

Due le grandi novità della 4° edizione: la fiera “Bell’Irpinia” dove saranno esposti nei giorni 18 e 19 luglio lungo viale stazione prodotti di artigianato, antiquariato, collezionismo e modernariato; la sfilata del maggiolone di domenica 19 luglio 2009 dalle ore 10,30

Da non dimenticare la Sagra degli Antichi Sapori con fusilli e cicatielli al ragù, spezzatino di vitello, coniglio alla cacciatora e panini con porchetta accompagnati da vino e birra a volontà, il tutto preparato con tanto amore dall’agriturismo Regio Tratturo.

Il 18 Luglio sul palco dell’ArianoMusicStation ci sarà il ballo liscio con il QUADRIFOGLIO’S BAND: Gruppo longevo, sono insieme dal 1982, l'unico che manca all'appello dei fondatori è Claudiano Pisapia. Grazie ad una vastissimo repertorio, che spazia dal liscio al napoletano, dalla disco music anni '70 al rhythm and blues anni '60, dal latino americano alla disco dance attuale, sono in grado di affrontare le più svariate situazioni musicali: dalle piazze alle balere, dai pubs alle discoteche, dalle sagre ai matrimoni, insomma un gruppo davvero versatile. Fanno parte integrante dello staff di "Canale 58", con cui collaborano per la realizzazione dei programmi televisivi. Sono impegnati anche in campo sociale, organizzando e partecipando a tutte le iniziative locali per la solidarietà. Insomma un gruppo impegnato a 360 gradi, con una ostinata fissazione: LA MUSICA DAL VIVO, quella suonata con le mani, con la mente e con il cuore per una vera e sincera aggregazione umana. Vantano di numerose esperienze al fianco di nomi importanti della musica, tra questi: Eugenio Bennato, Gianni Bella, Tiziana Reale, Raoul Casadei (con cui hanno registrato un video).

Scrivi commento (1 Commenti)
Ultimo aggiornamento ( 13/07/2009 alle 14:13 )
Leggi tutto...
  Condividi su Facebook

 

Provato il coupè di lusso della Bmw Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Auto - Provate per Voi
Scritto da Bruno Allevi   
12/07/2009 alle 21:02

BOLIDE TEDESCO

m61.jpgSAN BENEDETTO DEL TRONTO – La sportività portata ai suoi livelli più eccelsi, in casa Bmw ha un nome ben preciso: Serie 6. In questo articolo andrò ad analizzare questo bolide della casa di Monaco di Baviera. La Serie 6 è disponibile in carrozzeria coupè e cabriolet, ed è equipaggiata con 3 motori a benzina (630 da 272 cv, 650 da 367 cv, M6 da 507 cv) e un motore diesel (635d da 286 cv). La linea della Serie 6 è una linea che non può lasciare indifferenti. Il corpo vettura è basso e largo (grande coupè 4 posti, lunga 482 cm), dalle forme sinuose e molto seducenti. Grintosissimo il frontale, caratterizzato dal grande cofano spiovente e dalla consueta mascherina doppio scudata, incorniciata dai gruppi ottici grandi e ben visibili. Il posteriore è l’emblema della seduzione grazie alla coda sinuosa e alle forme “sexy” del portellone, ben incorniciato dai grandi gruppi ottici posteriori dalla forma “ellittico-triangolare”. Salendo dentro la Serie 6 si entra all’interno di una supercar da corsa. Infatti tutto l’interno è studiato per essere l’emblema della grinta sportiva: assetto ribassato, selleria sportiva, volante sportivo con comandi del cambio al volante. Oltre a questi e a molti altri particolari che sottolineano le doti da bolide della Serie 6, abbiamo anche un ampio spazio per l’eleganza e la raffinatezza: sellerie e materiali di altissima qualità, ritrovati tecnologici all’avanguardia, consolle centrale ipertecnologica e completa di tutto (navigatore, clima e sistema audio), quadro strumenti di facile lettura e comprensione.


Scrivi commento
Leggi tutto...
  Condividi su Facebook

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 55 - 63 di 735