Prossimi Eventi

    Nessun evento in programma

MiniChat

Salve a tutti. Nessuna voce recente. Clicca sugli appositi link più in basso per chattare.
Avviso Sonoro:

» Entra in Chat «

Chi è online

Ultimi Video

Home arrow Sezioni arrow Blog Utenti arrow Appello di Vigoroso contro la burocrazia e l'indifferenza
Appello di Vigoroso contro la burocrazia e l'indifferenza Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Gianni Vigoroso   
21/05/2011 alle 11:28
vigoroso_carabiniere.jpgL’Ospedale di Bisaccia sta per chiudere e alla famiglia Addai ancora non è stato concesso il permesso di venire in Irpinia in visita al proprio congiunto ricoverato in coma vegetativo in quella stanza buia e spenta che presto verrà smantellata per sempre. La pratica sembra essersi impantanata negli uffici dell’ambasciata Italiana in Ghana e a Roma. Una burocrazia forse senza precedenti, allucinante. Una moglie, un fratello e un figlio sballottati e impotenti da mesi a peregrinare un visto, che possa consentire loro di abbracciare Kwaku. Fondi disponibili per loro, biglietto aereo prenotato, vitto e alloggio garantito dalla Caritas diocesana, impegno in prima persona del Vescovo Francesco Alfano e persino del Capo della Polizia Antonio Manganelli...(LEGGI TUTTO)

 

Tutto è pronto per accoglierli al meglio in alta Irpinia, ma nessuno sa dare al momento una spiegazione su quali siano i reali ostacoli che bloccato la loro partenza. Rabbia, disperazione, impotenza e forse anche menefreghismo. Cosa importa se un uomo si sta spegnendo, da solo ogni giorno in quell’ospedale maledetto e magari verrà sballottato ancora in un’altra stanza più triste e distante dalla sua terra come un pacco postale. Cosa importa se una famiglia è lì in un villaggio ad attendere impaziente ogni giorno notizie su di lui. Un dramma nel dramma, che davvero spezza il cuore e che sembra non interessare nessuno perché Kwaku Addai forse non un uomo ma un semplice oggetto da buttare. 





Commenti
Burocrazia
Scritto da MOMODESIGN il 2011-05-26 @ 10:31

la vita ne e' piena.


Per inserire i commenti bisogna essere utenti registrati e loggati. Se sei già registrato, per favore loggati. Altrimenti registra un account adesso.


Ultimo aggiornamento ( 26/05/2011 alle 11:24 )
  Condividi su Facebook

 

< Prec.   Pros. >